Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Il sindaco non risponde per le spese di conciliazione con il dipendente

Il sindaco non risponde per le spese di conciliazione con il dipendenteNon è responsabile di danno erariale il sindaco del Comune che deve sostenere le spese per la sottoscrizione dell'atto di conciliazione davanti al giudice del lavoro con il dipendente sospeso e a cui erano state cambiate le mansioni. Manca, infatti, la prova del nesso di casualità tra la condotta tenuta dall'ente locale e l'esborso di denaro derivante. A stabilirlo è stata la Corte dei conti, sezione giurisdizionale per la Lombardia, con la sentenza 221 depositata il 18 settembre 2013.

Il caso
A seguito di una denuncia penale nei confronti di un dirigente del settore polizia locale del Comune, il sindaco lo ha sospeso dal servizio per 30 giorni. Successivamente è stato sospeso il procedimento disciplinare nei confronti del dipendente in attesa degli sviluppi e della definizione del procedimento penale. Allo stesso tempo è statadisposta la sua riammissione in servizio ma con un diverso incarico rispetto a quello precedentemente
di Antonio Iorio e Stefano Sereni - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/8MydH

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Mighty Free Joomla Templates by MightyJoomla